centro musa
musei del sito reale di portici

youtube fb inst

oasis

 

Dell’anatomia, della fisiologia e della zootecnia

 

Il primo nucleo del Museo anatomo-zootecnico “Tito Manlio Bettini” nacque quasi contemporaneamente all’istituzione delle cattedre di Anatomia degli Animali Domestici e di Zootecnia, nell’anno stesso di fondazione della Reale Scuola Superiore di Agricoltura, era il 1872. Il suo scopo era fornire a studiosi e studenti un laboratorio aggiornato per la ricerca e la formazione. Fu in seguito un allievo di Bettini, Almerico Cristin, a dare forma al museo e ad ampliarlo. Fino al 1892 esso occupava tutto il piano superiore dell’ala sud-est della Reggia. Tra il 1892 e il 1902 il museo fu consistentemente arricchito, per impulso di Salvatore Baldassarre prima, di Bartolo Maymone poi. Il museo raccoglieva materiale dimostrativo per l’insegnamento dell’anatomia, della fisiologia degli animali domestici e della zootecnia. Nel corso del tempo, ha acquisito collezioni osteologiche, modelli in gesso, fotografie, esempi di preparazioni farmacologiche e materiale documentario di grande rilevanza sia per la ricerca scientifica, sia per indirizzare gli allevatori di bestiame. Custodisce attualmente una documentazione preziosa per la ricerca e per la didattica relative all’anatomia e alla fisiologia animale e alla zootecnia.